Giordania Sharia ISIS

sharia Egitto, sharia Giordania, sharia Turchia --- voi dovete andare ad uccidere sharia ISIS, altrimenti venendo, vi farò vedere cosa è l'inferno, anche a voi insieme alla sharia Arabia Saudita... IL VOSTRO SHARIA? è IL CULTO DI SATANA! http://lorenzoscarola.blogspot.com/
================
 Catellani  sei un massone di anticristo di vampiro fariseo, sistema dei partiti, Bildenberg, che vuoi rubare la sovranità monetaria, cioè, succhiare il sangue dei popoli schiavi usurocrazia a tutti? .. chi crede che io faccio le prediche, in genere è un criminale!
Orrore in Nigeria dopo raid Boko Haram. [[ disintegrare la lega araba è diventato inevitabile! ]] Jihadisti vietano funerali vittime dopo raid a Bama nel nord ROMA, 4 SET - Orrore in Nigeria dopo un nuovo attacco dei Boko Haram. Testimoni riferiscono alla Bbc di cadaveri disseminati per le strade di Bama (nord) su ordine degli stessi jihadisti che hanno vietato i funerali delle vittime. L'assalto è avvenuto due giorni fa, ma secondo l'esercito la città non è caduta nelle mani degli assalitori. E secondo l'Onu ad agosto circa 10mila persone sono scappate in Niger dalla Nigeria dopo gli attacchi dei fondamentalisti, portando a 80mila il totale dei rifugiati. TEL AVIV, 4 SET - I genitori di Daniel Tregerman - il bambino israeliano di 4 anni e mezzo ucciso nella sua casa del kibbutz Nahal Oz da un colpo di mortaio lanciato da Gaza - hanno scritto al segretario generale Ban Ki moon protestando contro la Commissione di inchiesta Onu sui possibili crimini di guerra di Israele. "Alla Commissione non è stato chiesto di indagare su come i terroristi abbiano sparato da scuole e da strutture Onu. Daniel è stato ucciso da membri di Hamas. Non è stata una morte accidentale".
PERCHé non sai avere compassione dei cristiani innocenti, che sono uccisi e che offrono la loro vita nel martirio?
#ROTHSCHILD 322 BUSH SATANA --- IO VI CONSIGLIO DI DISINTEGRARE LA LEGA ARABA SHARIA, ANCHE PERCHé I CRISTIANI LI HANNO UCCISI TUTTI! ] Gli Usa sostengono a Kiev "il partito della guerra" e non chi si mostra più disponibile a una soluzione politica del conflitto in Ucraina. A rilanciare l'accusa, sullo sfondo della riunione Nato in Galles, è il ministro degli Esteri di Mosca, Serghiei Lavrov. "I sussulti di retorica antirussa - denuncia Lavrov - tornano immancabilmente appena emergono sforzi concreti per una soluzione politica. E va detto che il partito della guerra di Kiev ha sostegni attivi negli Usa". #ROTHSCHILD 322 BUSH SATANA --- sei un massone di anticristo di vampiro fariseo, sistema dei partiti, Bildenberg, che vuoi rubare la sovranità monetaria, cioè, succhiare il sangue dei popoli schiavi usurocrazia a tutti? .. chi crede che io faccio le prediche, in genere è un criminale!
#ROTHSCHILD 322 BUSH SATANA --- IO VI CONSIGLIO DI DISINTEGRARE LA LEGA ARABA SHARIA, ANCHE PERCHé, I CRISTIANI LI HANNO UCCISI TUTTI! ] DISTRUGGERE ISRAELE RUSSIA E CINA? MA, VOI NON SIETE ANCORA MAGGIORENNI, NON è QUALCOSA DI ADATTO A VOI! La Russia ha oggi messo in guardia l'Ucraina contro i suoi progetti di rilanciare il processo di adesione alla Nato sottolineando che questo rischia "di far deragliare" la ricerca di una soluzione alla crisi attuale. "Proprio nel momento in cui si cerca di studiare approcci che permettano di cominciare a risolvere la crisi tra Kiev e i ribelli" Kiev intraprende l'adesione della Nato, ha detto il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov.
Samanta Borgia  IN crimea e nel donbass C'è UN POPOLO CHE HA VOTATO A SUFFRAGIO UNIVERSALE.. COSA SIGNIFICA PER TE LA PAROLA DEMOCRAZIA? TU STAI FACENDO UN GENOCIDIO!
SE MAOMETTO ERA UN PEDOFILO, POI, I MAOMETTANI SONO TUTTI dei PEDOFILI COME LUI! E POICHé MAOMETTO DI CRIMINI E DIFETTI, NE AVEVA veramente TROPPI, POI QUESTA LEGA ARABA SHARIA di blasfemi apostati, assassini genocidio sistematico, DEVE SCOMPARIRE DAL PIANETA TERRA: AL PIù PRESTO! .. QUESTI DEMONI DEVONO ESSERE RISPEDITI ALL'INFERNO, sul pianeta sono stati troppo tempo! ANKARA, 4 SET - In Turchia si registrano ogni mese circa 650 casi di abusi su minori, riferisce la stampa di Ankara citando dati resi pubblici dal ministero della Giustizia in risposta ad una interpellanza dell'opposizione. Secondo uno studio dei centri di protezione dell'infanzia in 13 delle 59 province turche l'anno scorso sono stati registrati 2.792 casi di abusi sessuali su minori e 263 matrimoni di ragazze o bambine. L'opposizione accusa il governo di non fare abbastanza per debellare il fenomeno. Cristian Zaharie · Top Commentator
E queste merde islamiche vogliono entrre in EUROPA?? fuck!!!!!!!!!!!!! QUESTO E' IL VERO VOLTO DELL'ISLAM

CIA DATAGATE GOOGLE A.I., NSA 322 SATANA BUSH KERRY -- SMETTETE DI AFFLIGGERE IL MIO BLOGGER http://uniusreixkingdom.blogspot.com/ CON QUESTO VOSTRO SPAM! giovedì 4 settembre 2014.
Look like Aphrodite/Apollo in a month!
Click to view this email in a browser
Do you feel you are fatter-than-ever?
September 4, 2014
read more >> Segnalato sito contraffatto
Il sito web uniusrei3.living.buthedttinrfjb.eu è stato segnalato come sito contraffatto ed è stato bloccato sulla base delle impostazioni di sicurezza.
I siti web contraffatti cercano di ingannare l'utente sottraendo informazioni personali o finanziarie imitando fonti di cui solitamente ci si fida.
L'inserimento di informazioni personali in questa pagina può dare origine a furti d'identità o altre frodi. http://uniusrei3.living.buthedttinrfjb.eu/?uniusrei3.living=C00FB3EE1ADE0B34CC343F202
#Benjamin #Netanyahu - CAMBIARE PASSWORD, SEGUIRE LA PROCEDURA DI DUE PASSAGGI? è STATO TUTTO INUTILE! questi potrebbero essere i criminali della CIA DATAGATE; NSA -- che hanno scritto spam pericoloso nel mio Blog!  Indirizzo IP 93.47.64.113
fastwebnet.it Browser IE 11.0
Napoli, Italia Indirizzo IP 93.150.195.96
Gravina in Puglia, Italia Indirizzo IP 93.148.133.223
google 322 youtube -- io adesso, non so che fare per proteggere il mio blogger http://uniusreixkingdom.blogspot.com/
Benjamin Netanyahu - circa: http://ilcomandamento.blogspot.com/ c'era: La verifica in due passaggi è: ON ] [ Protegge il tuo account dal 9-apr-2014. ] ma [ Pubblicazione via email ? era []disabilitato[] ma, CHI HA MESSO DISABILITATO, SE, C'ERA [[ La verifica in due passaggi è: ON dal 9-apr-2014 ]] ??? ma, l'articolo ultimo, è stato pubblicato per posta: " datagate enter in my sites " il 17/08/14 ] chi, il 17/08/14 ha disattivato le pubblicazioni per posta, se il sito era protetto con la verifica a due passaggi??  potevano essere soltanto i satanisti di CIA 322 DATAGATE, che lavorano in google, che hanno commesso questo crimine contro di me e contro tutto il genere umano! NON SOLO IL MIO CANALE YOUTUBE "i10comandamenti"  con 2259 video è stato cancellato, perché, io non sono riuscito ad entrare in questo sito perché sia la password, non era riconosciuta, e sia che le procedure di recupero? non hanno funzionato!
   
L'account i10Comandamenti è stato chiuso perché abbiamo ricevuto diversi reclami di terze parti relativi a violazioni del copyright riguardanti materiale postato dall'utente. i10Comandamenti [icona] 1 secondo fa, per gentile concessione di youtube, ma io sono con uniusrei3... anche se mi sono disattivato... queste sono le alchimie che mi legano al governo mondiale di youtube!! Benjamin Netanyahu - circa: http://ilcomandamento.blogspot.com/ c'era: La verifica in due passaggi è: ON ] [ Protegge il tuo account dal 9-apr-2014. ] ma [ Pubblicazione via email ? era []disabilitato[] ma, CHI HA MESSO DISABILITATO, SE, C'ERA [[ La verifica in due passaggi è: ON dal 9-apr-2014 ]] ??? ma, l'articolo ultimo, è stato pubblicato per posta: " datagate enter in my sites " il 17/08/14 ] chi, il 17/08/14 ha disattivato le pubblicazioni per posta, se il sito era protetto con la verifica a due passaggi?? potevano essere soltanto i satanisti di CIA 322 DATAGATE, che lavorano in google, che hanno commesso questo crimine contro di me e contro tutto il genere umano! NON SOLO IL MIO CANALE YOUTUBE "i10comandamenti" con 2259 video è stato cancellato, perché, io non sono riuscito ad entrare in questo sito perché sia la password, non era riconosciuta, e sia che le procedure di recupero? non hanno funzionato!

il serpente sharia saudita salafita si colpisce alla testa: ARABIA SAUDITA! oppure sei morto! MA FINO AD ORA, DEI POLITICI NEL MONDO? SOLO IO HO CONDANNATO LA SHARIA! PERCHé ROTHSCHILD SPERA NEL SUO GENOCIDIO LEGA ARABA, VERAMENTE,  e non per intimidire a parole come me!!  ] MILANO, 4 SET - Sono undici le persone indagate in un'inchiesta, aperta dalla Procura di Milano quasi due anni fa, che vede al centro il reato di terrorismo internazionale e un gruppo di siriani accusati di aver reclutato combattenti per la jihad islamica. Tra gli indagati, oltre ad Haisam Sakhanh, elettricista che viveva a Cologno Monzese (Milano) e che due anni fa è andato a combattere in Siria assieme ad altri connazionali, ci sarebbero anche alcuni siriani ancora residenti in provincia di Milano.
è anche un dato ISTAT, che, lui è un massone Bildenberg, la vera rovina del nostro paese usurocrazia Rothschild satana 322 Bush, a tutti, gli strozzini delle tasse, per pagare come schiavi il nostro stesso denaro? E CHE, TRA I FARISEI ILLUMINATI JABULLON, SI CERCA DI PREPARARE UN SOSTITUTO DEL TEATRO TRUFFA RENZI, IN ATTESA DELLA GUERRA MONDIALE NUCLEARE! ] D'Alema, colpito da violenza contro me. Ho fatto un discorso serio. Giudizi non miei ma numeri Istat https://www.youtube.com/user/JewsxMessiahUniusRei/discussion
=============================
Robby Rallon
Ma basta Sig. d'Alema, per favore La imploro
vada in pensione lei che può......o semplicemente Vada, ma cosa va a predicare ancora sul palco ...l'ISTAT...ci viene a leggere l'ISTAT ... ci vuole anche la sua tremenda omelia da sopportare...lo vediamo da soli che la situazione è così....basta se ne ANDI prenda il suo meraviglioso ICARO e faccia una generosa vela verso la somalia a creare nuovi adepti con i suoi predicozzi opprimenti da pignoratore di appartamenti hanno veramente sfondato la ceppa...senza offesa ovviamente.. anzi con tutto il rispetto.
Giuseppe de Cesero · Top Commentator · Università degli Studi di Teramo
se avessi la possibilità materiale e l'immunità , come da anni l'hai tu, ti prenderei a calci in culo, purtoppo non posso nemmeno avvicinarmi protetto come sei da guardie pagate da noi contribuenti, ma chi può, vedi grillo, ragli raglia ma non lo fa.
    Domenico Chiacchiaretta · Lavora presso Alberghiero
    mi associo al 500%
    sono 50 anni che mangia a sbafo sugli italiani predicando solo cazzate e nulla di concreto ed ancora oggi non si arrende
Giovanni Grimaldi · ITIS A. Righi
davvero commovente la caduta di un leader scalzato e maltrattato dai giovani YouDem-GinDem assetati di potere più dei vecchi DS
Giorgio Fieramosca · Top Commentator · La Sapienza
Ma l'Istat i numeri li dava anche quando al governo c'era d'alema e non ricordo che fossero esaltanti ..
   
   

ISIS impone la propria ideologia nei territori conquistati 0:26

Vice presidente USA promette di braccare "fino all'inferno" i fondamentalisti di ISIS 23:55
E LUI LO PUò FARE, PERCHé ALL'INFERNO SI BRACCHERANNO RECIPROCAMENTE!

Nucleare, i colloqui tra Iran e il Sestetto in programma il 18 settembre a New York 23:23

Dopo la Repubblica Ceca anche la Slovacchia chiede di alleggerire le sanzioni UE contro Mosca 22:48

Il 9 settembre uscirà il primo rapporto sullo schianto del Boeing malese 22:14

La NATO aprirà un campo di addestramento in Georgia 21:56

L'Europa vuole liberare "South Stream" dalle norme del Terzo Pacchetto Energia 21:41

L'UNESCO chiede indagini rigorose sulla morte del fotoreporter Stenin in Ucraina 21:34

Praga rompe il gemellaggio con Mosca e San Pietroburgo per la crisi ucraina 21:07

Centinaia di dimostranti in piazza contro il vertice NATO in Galles 20:49

I filorussi di Donetsk e Lugansk propongono il proprio piano di pace 20:36

Mosca e Bruxelles analizzeranno la situazione nel settore del gas in Ucraina 20:01

Hollande: decisive le prossime ore per le nuove sanzioni contro la Russia 19:26

Attacco dei talebani in Afghanistan: oltre 25 vittime 18:53

Poroshenko: la NATO fornirà aiuti militari all'Ucraina 18:22
    4 settembre 2014, I combattenti in Iraq controllano già un territorio grande come la Gran Bretagna. I radicali del gruppo estremista internazionale "Stato Islamico" sono pronti a spostare le loro attività ben oltre l'Iraq e la Siria. L'autorità di controllo russa Roscomnadzor il 4 settembre ha bloccato l'accesso a YouTube riguardante il video originale di minacce da parte dei sostenitori dell'IS contro i russi.
A sua volta, il governo indiano per il 4 settembre annuncia allarme in tutti gli stati del Paese, dopo che il leader di "Al Qaeda", Ayman al-Zawahiri ha annunciato la formazione dell'ala indiana del gruppo terroristico. L'IS è scorporato da "Al-Qaeda", mamantiene stretti legami.
Non è un segreto che negli ultimi anni il commercio russo-mongolo segnava una certa stagnazione. Vi è ancora un divario tra le grandi esportazioni russe e le minori importazioni mongole. Introdotto in questo Paese nei primi anni '90, il regime dei visti ha impedito lo sviluppo non solo nel reciproco turismo, ma anche nella cooperazione commerciale. L'insoddisfazione con Mosca è stata provocata da vari ostacoli, a volte artificiali e a volte legati agli scambi, ai progetti di investimento, introdotti dalla parte mongola. Per lungo tempo è andato in stallo il progetto di ammodernamento della ferrovia da Ulan Bator con la partecipazione russa. Erano incerte le prospettive sulla cooperazione tra i due Paesi per lo sviluppo dei giacimenti di carbone della Mongolia e di altre risorse. La Mongolia ha costantemente cambiato le regole del gioco.
Durante la visita del presidente russo è stato concordato un moltepliceaumento dell'offerta di carne e derivati ​​russi e firmato il regime senza visti. Adottata anche la "roadmap" per la modernizzazione della ferrovia di Ulan Bator. Le parti hanno annunciato la loro intenzione di aumentare a 10 miliardi didollari entro il 2020 il fatturato del commercio.
È impossibile, ovviamente, dire che tutti gli ostacoli e le "trappole" nella cooperazione russo-mongola sono eliminati. La politica estera della Mongolia haconservato una delle sue priorità ossia il "terzo vicino" guidato dagli Stati Uniti. Ma è fondamentale che la Mongolia politicamente abbia preso le distanze dagli Stati Uniti che hanno schierato una politica anti russa basata sulle sanzioni. Ulan Bator ha deciso di non dar retta a Washington e non ha partecipatoalla gara non dichiarata apertamente condotta tra gli ex Stati Sovietici su "chi farà più male alla Russia". Questa mossa è stata sicuramente apprezzata da Mosca. Ciò ha permesso di approfondire la cooperazione russo-mongola su vari aspetti. Tra l'altro, poco prima dell'arrivo del presidente russo ha visitato la Mongolia, in visita di Stato, il presidente cinese Xi Jinping. È logico guardare adun'ulteriore evoluzione dei negoziati bilaterali, con l'apice rappresentato da un incontro a tre tra i leader di Russia, Mongolia e Cina, che si terrà, probabilmente l'11 settembre a Dushanbe a margine del vertice dei capi di stato membri della SCO.
E i vertici bilaterali russo-mongolo e cinese-mongolo dimostrano ilrafforzamento della politica tradizionale mongola nel preservare le priorità strategiche del Nord (Russia) e del Sud (Cina). La leadership mongola efficacemente costruisce la propria "logistica politica" con la ricezione in serie dei principali leader di Cina e Russia, con il vertice tripartito "di Russia - Cina - Mongolia" nel quadro della SCO, sullo sfondo dell'APEC (Shanghai, Novembre 2014), con la prospettiva di adesione della Mongolia al Forum.
Per rafforzare le nuove relazioni russo-mongole ha lavorato la storia militare. Nel maggio del 1939, il tandem sovietico-mongolo rovinò i piani militaristi del Giappone sull'occupazione e la distruzione della Mongolia. Non è un segreto che nel 1990 in Mongolia il deposito dei fondi giapponesi e americani tenta di dimenticare o riscrivere la storia di Khalkhin Gol, presentando il Giappone non come l'aggressore, ma il "salvatore e pacificatore" dall'"aggressione sovietica e cinese." Invece, l'attuale leadership della Mongoliasi è espressa su quegli eventi in modo diverso: "Ci ricorderemo sempredell'impresa storica dei soldati russi e mongoli che, non risparmiando la lorogiovinezza, hanno combattuto per l'inviolabilità del nostro Paese e della sua prosperità", ha detto il presidente mongolo Elbegdorj in una conferenza stampa sui risultati dei colloqui con Vladimir Putin.
Il presidente russo ha invitato Elbegdorj a venire a Mosca per celebrare il 70° anniversario della vittoria nella Seconda Guerra Mondiale. Questo è un passo importante per preservare la memoria storica, proteggere la verità sugli eventi che hanno definito non solo i fondamenti del mondo moderno, ma anche il volto attuale della Asia Nord-orientale.
http://italian.ruvr.ru/2014_09_04/I-combattenti-in-Iraq-controllano-gia-un-territorio-grande-come-la-Gran-Bretagna-8267/
=================================
http://www.aleteia.org/it/stile-di-vita/contenuti-aggregati/omosessuale-e-fedele-alla-chiesa-e-possibile-5844956316958720
La differenza è sottile: gli atti omosessuali sono un peccato ma l'inclinazione omosessuale è un fatto di cui le persone che ne sono afflitte non devono provare vergogna. Anzi: se vissuta nella castità e se la sofferenza che ne deriva viene offerta a Dio, l'inclinazione omosessuale può diventare perfino uno strumento di santificazione. Ne è convinto Philippe Ariño, giovane scrittore e blogger francese, la cui storia ha suscitato scalpore a livello internazionale. Reduce da alcune conferenze in Italia – tra cui una al Salone del Libro e un'altra oggi a Milano, a Palazzo Isimbardi, dal titolo Omofobia: vittime e carnefici – Ariño ha raccontato di se stesso a ZENIT. Senza falsi pudori.
Philippe, presto avrai 34 anni e sei una figura emblematica nel panorama omosessuale e cattolico in Francia. Il tuo blog Il ragno del deserto, (L'Araignée du Désert - www.araigneedudesert.fr), e specialmente il tuo Dizionario dei simboli omosessuali, (Dictionnaire des Codes homosexuels), fanno molto parlare sui social network. Com'è possibile tutto questo, secondo te?
Ariño: Non è facile capire quanto le persone omosessuali siano amate! Lo dico sul serio. In genere, la fragilità umana ha sempre suscitato compassione e tenerezza. Inoltre, l'omosessualità è una parola che affascina e, allo stesso tempo, spaventa, poiché è circondata di mistero, di sofferenza (intuita ma poco denunciata), d'ignoranza, di silenzio (le persone che si avventurano nel parlarne hanno paura di essere catalogate come "omosessuali" o "omofobe"), di buone intenzioni (con il tempo, essa ha preso il nome di "amore" o di "identità" indiscutibili, anche al livello legislativo) e di una grande violenza simbolica. In effetti, nello spazio di un secolo e mezzo, si è scivolati inavvertitamente dai Diritti dell'Uomo verso i "diritti degli eterosessuali e degli omosessuali", togliendo agli esseri umani la loro umanità sessuata e questo è oggettivamente violento. Come si possono ridurre le persone ai loro fantasmi erotici, a detrimento della loro identità profonda di uomo (o di donna) e di Figli di Dio? Io, ben prima di essere una persona omosessuale, sono un uomo ed un figlio di Dio. Non mi riduco alle mie pulsioni. Non sono un animale né un ossessionato dal sesso! Sono un essere umano… abitato da un desiderio omosessuale più o meno duraturo. Ecco tutto.
Dato che oggi l'omosessualità è banalizzata e, allo stesso tempo, demonizzata o sacralizzata – in altre parole i nostri mass media e i nostri politici l'assolutizzano o la giustificano per non spiegarla – è diventata l'oppio dei popoli, argomento di censura invocato per qualunque ragione o causa politica, anche la più delirante! Attualmente la bipolarità omosessualità/eterosessualità, ovvero un'umanità definita dai suoi fantasmi erotici, è il sassolino nella scarpa del nostro pianeta. I nostri contemporanei si sentono persi identitariamente nella sessualità e nell'amore, dal momento che essi si allontanano dalle due rocce che ci fondano e che ci aiutano ad amare veramente: la differenza dei sessi amante e la differenza tra Creatore e creatura. I nostri contemporanei sono anche disturbati dal fatto che l'esclusione violenta di queste due differenze fondanti sia globalmente chiamata "amore", "specie umana", "desiderio omosessuale normale", "lotta contro le esclusioni", "accoglienza delle differenze", ecc., quando essa è proprio un rigetto delle differenze. C'è un paradosso del quale molti uomini moderni non vogliono più rispondere: in effetti, come si può sostenere, nella stessa frase, che "bisogna accettare tutte le differenze" ed anche che "le differenze non esistono perché siamo tutti uguali ed abbiamo gli stessi diritti"? Siamo di fronte ad una cacofonia interiore ed esteriore!
Com'è possibile dirsi al contempo cattolico praticante ed omosessuale, sapendo che la Chiesa condanna fermamente gli atti omosessuali?
Ariño: È molto semplice! Innanzitutto comprendendo che la Chiesa accoglie pienamente il peccatore con il suo peccato, ma senza giustificare questo stesso peccato o i segni che di questo la persona porta con sé, senza eliminarli magicamente. Inoltre è possibile, non praticando la propria omosessualità ma considerandola comunque come un desiderio realmente esistente che può essere trasformato e donato agli altri. Allora diventa possibile (ri)scoprire la propria omosessualità come un potente motore di santità, allorché all'inizio essa rappresentava una vergogna, una pulsione della quale bisognava sbarazzarsi. Da quando ho scelto di vivere nella continenza (dal gennaio 2011 ho posto fine alla seduzione, al porno e alla masturbazione), la vergogna mi ha lasciato, la lingua si è sciolta, la mia gioia è più grande, le mie amicizie sono più numerose e più solide, la mia omosessualità diventa fattore di ironia e di convivialità, non vivo più dei momenti di malinconia come prima. La continenza, anche se essa non è da mettere sullo stesso piano del matrimonio tra uomo e donna o del celibato consacrato, deve essere proposta con delicatezza (a seconda delle situazioni), può essere un "celibato di attesa" meraviglioso, per ogni persona che si sente durevolmente omosessuale e che potrà difficilmente aspirare al matrimonio o al sacerdozio. Nella mia vita, la continenza è già un passo immenso verso il dono completo della mia persona cosi com'è, con le mie forze ma anche con le mie debolezze. La continenza in sé non mi basta. Non mi fermo a questo. Ma essa è già una liberazione. Con la continenza si è creata un'unità tra la mia condizione omosessuale ed il mio amore alla Chiesa. Posso donarmi interamente ed anche con questo desiderio omosessuale che mi abita 24 ore su 24, senza dover portare la colpa della pratica omosessuale.  È davvero l'ideale! Conosco solo i vantaggi del desiderio omosessuale senza gli inconvenienti. Una ferita, in sé, non è né bella né da applaudire. Ma non dimentichiamo che una ferita donata diventa un cuore aperto. Inoltre, le ferite, se offerte a Dio e agli altri, lasciano passare più luce! Sarebbe sciocco, allora, negarle e non utilizzarle!
Andrai presto in Italia, in Spagna ed in Inghilterra per presentare la traduzione del tuo libro L'homosexualité en vérité che è stato un successo in Francia e che è stato appena tradotto in italiano con il titolo Omosessualità controcorrente (Edizioni Effatà).
Ariño: Sì, all'inizio di aprile ho fatto un primo viaggio a Bologna e ritorno in Italia per una serie di conferenze a Torino, Milano e a Roma in occasione della giornata mondiale contro l'omofobia (IDAHOT) del 17 maggio (per il programma completo degli eventi vedi www.coraggiodellacastita.blogspot.it). Il 19 maggio andrò a Logroño in Spagna, su invito del vescovo Mons. Omella-Omella; a giugno invece incontrerò le Sentinelle di Londra.
Pensi che si possa guarire dall'omosessualità?
Ariño: Sì. Dio può guarire tutte le nostre ferite, comprese quelle psico-sessuali. Tuttavia, io non mi focalizzo su una sola forma di guarigione dell'omosessualità. Non dimentichiamo che è Dio che sceglie i modi, non noi! Non dimentichiamo neanche che ci sono diversi gradi di profondità della ferita omosessuale, e che in certe persone l'omosessualità non è così profondamente radicata, mentre in altre essa è talmente profonda (senza tuttavia essere fondamentale) che cercando di eliminare la zizzania, si rischia di portare via anche il seme buono. È importante credere alle guarigioni spettacolari di Gesù (e conosco delle persone che sono riuscite a superare la loro paura e la loro ferita omosessuale), senza tralasciare le guarigioni progressive e meno spettacolari. Per esempio, ci sono dei malati di cancro che vanno a Lourdes e che tornano da questo luogo con la stessa malattia. Hanno pregato male o hanno fatto male la loro richiesta? No. Esse sono guarite diversamente. Per mezzo del senso che il sostegno di Gesù dà ai loro dolori. Dio permette a volte che il male attecchisca per meglio manifestarvi la sua presenza trascendente.
Alcune persone – specialmente tra i fondamentalisti religiosi cristiani e protestanti in particolare, sono fanatici degli «ex-gay» e delle «terapie riparative» per quanto riguarda l'omosessualità. In pratica, queste sono nel diniego totale delle persone omosessuali, della loro libertà, del loro percorso e della realtà del desiderio omosessuale. Secondo loro, poiché si tratta di un problema "orribile", che non dovrebbe esistere, finisce per non esistere affatto! A tal proposito, ho sentito, a delle conferenze contro il gender ed il "matrimonio per tutti", un incoraggiamento chiaro a non trattare la questione dell'omosessualità. È molto preoccupante, questa fuga in avanti verso un manicheismo spirituale o un freddo scientismo. La Chiesa ci chiama davvero a mettere la Carità e la Persona davanti alla Verità, anche se la Verità è necessaria alla consistenza della Carità. Dobbiamo guardare in faccia l'omosessualità, prima di sapere cosa farne. Riguardo a questo desiderio reale, un certo numero di cattolici ha la tendenza a focalizzarsi sulla guarigione prima ancora di guardare cosa c'è da guarire, prima ancora di considerare la persona omosessuale e di vedere che alcuni di noi resteranno omosessuali tutta la vita. Accade che essi vengano talvolta defraudati della loro omosessualità dai tanti cattolici che si focalizzano sulla guarigione, facendo molti danni. Il peggio è che sono sinceri, dal momento che ci vittimizzano, piangono per noi, drammatizzano la nostra situazione e alla fine ci colpevolizzano ancora di più. Se si sente ancora un desiderio omosessuale dopo essersi sposati, dopo aver domandato senza sosta la guarigione a Gesù, dopo una psicoterapia o una agape-terapia, bisogna essere sospettati per tanta "viltà"? Per una così grande mancanza di fede e d'impermeabilità al dono della grazia? Non bisogna mai smettere di credere nella guarigione di Gesù. Non bisogna smettere di chiederla, ma le forme di questa guarigione non ci appartengono, anche se noi concorriamo a questa guarigione e Gesù non ci libererà senza il nostro consenso e senza la nostra libertà.
Cerco di far capire – specialmente a certi spiriti talmente pii che mettono la Verità al di sopra della Carità e della realtà – che non è perché io li metto in guardia contro l'eterosessualità (che è una parodia della differenza dei sessi, parodia che la Chiesa d'altronde non ha mai difeso), e neanche perché io tratto con prudenza il concetto di "guarigione dell'omosessualità", neppure perché parlo apertamente di omosessualità, che pertanto io giustifichi l'omosessualità o mi riduca ad essa o ancora dubiti dell'efficacia delle "terapie riparative", in alcuni casi. Tutto ciò che desidero è la dolcezza ed il rispetto per le persone, nell'esigenza della Verità proposta da Gesù. Lui non ci accoglie "a partire dal momento in cui non saremo più omosessuali" o "perché non saremmo veramente omosessuali" né "per cambiarci". Lui vuole convertirci. Non cambiarci. E prende sul serio ciò che noi sentiamo. Lui opera con ciò che noi siamo e a partire da lì, si adatta e dice: "Vediamo cosa si può fare!".
Infine, quali consigli daresti ai Paesi europei che si preparano a ricevere lo tsunami del «matrimonio per tutti» e del gender?
Ariño: Consiglio loro di utilizzare lo stesso linguaggio dei promotori di queste leggi inumane che destrutturano l'identità sessuata, il matrimonio e la famiglia, piuttosto che partire da ciò che si sa già (che può essere giusto forse sulla carta o in teoria, ma che non dirà nulla al ragionamento emotivo e sentimentalista dell'opinione pubblica e dei nostri governanti). Per ora, ed il caso francese nel 2013 lo ha dimostrato ancora una volta, abbiamo avuto troppa paura di parlare di omosessualità e di omofobia, ci siamo rifugiati dietro il bambino, la famiglia, tanto che la legge del "matrimonio per tutti" è passata dividendosi ipocritamente in due. I nostri politici hanno avuto il coraggio di dire che se ciò che ci creava problemi era soltanto il bambino, essi avrebbero fatto passare la legge di "apertura" del matrimonio "in nome dell'amore e dell'uguaglianza" e sarebbero stati pronti a discutere delle conseguenze sulla filiazione successivamente! La questione, per gli oppositori al gender e al "matrimonio gay", consiste nell'aiutare le persone omosessuali a parlare pubblicamente e così dimostrare che la loro omosessualità è strumentalizzata per far passare una legge che, concretamente, dà come minimo 3 genitori ad un bambino, e che costituisce un cambiamento di civilizzazione enorme: è la condizione dell'alterità dei sessi nel matrimonio che viene soppressa! Nel corso dei dibattiti sul "matrimonio per tutti" bisognerà soprattutto difendere la differenza dei sessi amanti (non la differenza dei sessi in sé) e denunciare l'eterosessualità, che è il principale fondamento ideologico sul quale riposano il gender, il "matrimonio per tutti" e tutte le ideologie pro-gay (oltre alla credenza nell'"omofobia"). Soltanto demistificando l'omosessualità si mostra la grandezza delle coppie uomo-donna amanti e si smonta l'idealizzazione/banalizzazione sociale dell'omosessualità!
[Intervista a cura di N.S.]
===================================
sharia Egitto, sharia Giordania, sharia Turchia --- voi dovete andare ad uccidere sharia ISIS, altrimenti venendo, vi farò vedere cosa è l'inferno, anche a voi insieme alla sharia Arabia Saudita... IL VOSTRO SHARIA? è IL CULTO DI SATANA! http://lorenzoscarola.blogspot.com/
http://www.aleteia.org/it/societa/video/cosa-fare-contro-i-falsi-miti-del-progresso-6093104897589248
Nella cornice dell'Auditorium Antonianum a Roma, lunedì 19 maggio si è svolto un incontro dal titolo "Contro i falsi miti del progresso", a cui hanno partecipato la scrittrice Costanza Miriano, lo scrittore Mario Adinolfi, lo psicologo clinico Marco Scicchitano e padre Maurizio Botta. I temi sono quelli di maggiore attualità: matrimonio omosessuale, ideologia gender, aborto, eutanasia. Ne è scaturito un dibattito lungo. Qui il video dell'evento.
http://www.aleteia.org/it/societa/contenuti-aggregati/il-capitolo-2-di-voglio-la-mamma-5848863260803072
Facebook ha rimosso il capitolo 2 di Voglio la mamma ("Contro il matrimonio omosessuale") dalle note del mio profilo dove sto pubblicando in lettura gratuita tutti i capitoli di VLM. Mi è stato inviato un messaggio in cui viene minacciata la chiusura del profilo. Io non conosco chi sia la persona che si incarica di fare queste valutazioni. Segnalategli comunque che la mia libertà di espressione non si tocca, è tutelata dalla Costituzione e ritengo gravissimo quel che è appena accaduto. I miei lettori devono poter leggere il mio libro gratis qui, ognuno si faccia la sua opinione e come è noto io non sfuggo né al dibattito né alle critiche. Ma la cancellazione di un capitolo di un libro viola i diritti costituzionali ed è un atto liberticida proprio di stagioni che non devono riproporsi in salsa edulcorata 2.0.

Ecco allora il capitolo 2
 
Voglio la mamma / Capitolo 2
Prima con la legge nella Spagna di Zapatero, poi con analogo e contestato provvedimento nella Francia di Hollande, infine con la sentenza della Corte Suprema Usa nell'America di Obama (per carità, è solo un primo passo, ma la pallina ormai è su un piano inclinato) il matrimonio gay, già sdoganato in alcuni paesi del Nord Europa, si appresta a diventare tema di dibattito anche in Italia e prima o poi legge. Mi rendo conto dell'impopolarità della mia posizione, in particolare a sinistra dove comunque ricordo la linea del Pd è contrario al matrimonio omosessuale e a favore delle unioni civili "alla tedesca" (linea su cui concordo in pieno), ma io sono stato sempre e resto contrario alle nozze gay. Lo sono proprio a partire da posizioni di sinistra, di tutela dei soggetti più deboli, che sono sempre i bambini. Provo a riassumere il perché della mia contrarietà in cinque rapidi motivi.
1. Per me il matrimonio è l'unione tra un uomo e una donna, questo è stato per millenni. Dal matrimonio derivano diritti e doveri. La battaglia per il matrimonio omosessuale non è una battaglia per una parolina (chiamarla "matrimonio" o "pippo" cosa cambierebbe?) è la battaglia per i diritti che ne conseguono. I tre fondamentali temi di controversia sono il diritto "a formarsi una famiglia", il diritto di successione e il diritto alla reversibilità della pensione. Sono diritti che io contesto possano essere riconosciuti fuori dal matrimonio tra un uomo e una donna. Anche in termini etimologici non c'è matrimonio senza "mater": come sempre, in questo libro, ci vuole la mamma.
2. Se il matrimonio è solo un timbro pubblico sul proprio amore e "davanti all'amore lo Stato non può imporre a nessuno come comportarsi", al momento dovessimo ammettere la rottura del principio sacro per millenni che il matrimonio è l'unione tra un uomo e una donna, perché limitarci a rendere legale e matrimoniale solo il rapporto tra due donne o due uomini? Perché non accettare che ci si possa amare in tre? O in quattro? Se un bambino riceve amore uguale a quello di una madre e di un padre da due papà, perché non da quattro? O da tre papà e una mamma? O dal papà che ama tanto il proprio cane e vuole che la sua famiglia sia composta dal papà, dal cane e dal bambino ottenuto da una madre surrogata? Il cane dimostra tanto affetto verso il bimbo, quasi gli somiglia. Se rompiamo la sacralità del vincolo matrimoniale tra uomo e donna, ogni rapporto "stabile" potrà alla lunga trasformarsi in matrimonio, sarà un diritto incontestabile. Con conseguenze inimmaginabili. Non a caso in Italia un parlamentare del Movimento Cinque Stelle, Carlo Sibilia, ha avanzato l'ipotesi di un proposta di legge che estenda la possibilità di contrarre vincolo matrimoniale tra due uomini, tra due donne o anche tra più persone senza vincolo di numero e genere, addirittura tra specie diverse. Qualcuno ha irriso il deputato Sibilia, ma dal punto di vista strettamente logico i suoi argomenti sono inappuntabili. 3. Se due uomini possono sposarsi ne deriva il pieno diritto a "formarsi una famiglia". Senza limitarsi al diritto all'adozione, no, quello è il meno. I precedenti ci dicono che il diritto a figliare forzando la natura sarà pienamente tutelato. Il caso più noto è quello di Elton John e di suo "marito" David. Sono decine di migliaia già i casi similari. Elton e David vogliono un figlio. La natura pone un limite a questo loro bisogno, come è noto. Ma Elton e David vogliono, fortissimamente vogliono. Sono sposati e ora come tutte le coppie vogliono un figlio. Allora affittano (Dio mio, faccio fatica persino a scriverlo) l'utero di una donna, mescolano il loro sperma e con quel mix la ingravidano, nasce il piccolo Zac che appena nato istintivamente viene posato sul ventre della madre e naturalmente cerca il suo seno. Zac vuole la mamma. Viene però immediatamente staccato a forza da quel suo rifugio naturale e consegnato ai "genitori". Il bimbo per un anno intero non fa altro che piangere, Elton se ne lamenta graziosamente in qualche intervista e racconta che per placarlo faceva "tirare" il latte al seno della madre naturale per allattarlo poi con il biberon. Io l'ho trovata una storia agghiacciante, una violenza terribile fatta al più debole tra gli umani, il neonato. La moda imperante considera tutto questo invece molto glamour. Sull'orrore della "gravidanza per altri" più avanti troverete un capitolo a parte, così come sull'ottusità che si esprime in burocratese nella cancellazione che alcune amministrazioni hanno fatto sui moduli pubblici della dizione "madre" e "padre" per arrivare all'idiozia della definizione "genitore 1″ e "genitore 2″. Vogliono cancellare persino la parola mamma e pensano che questo sia essere di sinistra. Chi è di sinistra non priverebbe mai un soggetto debole, debolissimo come un bambino del suo diritto a chiamare mamma.
4. Se il vincolo matrimoniale non è più quello tra un uomo e una donna, il diritto alla successione riguarderà prima di tutto il coniuge. Ho un amico ricco e anziano, che fin dai banchi del liceo ha come migliore amico un suo compagno sostanzialmente nullafacente che vive di espedienti. Gli ha dato rifugio in casa, una casa enorme e vivono sotto lo stesso tetto. Da più di cinque anni ormai. Mi racconta sempre il mio amico ricco che spera da tanto tempo la legge sul matrimonio omosessuale perché vuole lasciare l'eredità e soprattutto la sua pingue pensione all'amico, non a quella megera della ex moglie e alla di lei (e di lui) prole, da lui qualificata come avida e ingrata. Anche qui c'è un lato glamour, anche se il mio amico non è per niente gay, anzi. Io vedo però diritti negati e anche un'opportunità: alla dipartita del mio amico anziano, andrò io a convivere nell'enorme casa con il suo amico, che è più anziano di me di vent'anni e morirà presumibilmente prima di me, lasciandomi avendomi omosessualmente sposato il diritto alla pingue pensione reversibile. E così via.
5. L'impatto del matrimonio omosessuale sul tessuto sociale, su quel poco di stabilità che resta nelle nostre convinzioni ancestrali, persino sui conti pubblici in materia previdenziale, sarebbe devastante. Non ce rendiamo conto e pensiamo che sia solo una materia alla moda per sentirsi tanto moderni e progressisti. Sei contrario al matrimonio omosex? Sei medievale. Con buona pace dei liberal contrari ad ogni discriminazione, pronti però a discriminarti per un'opinione discordante.
Credo che la mia sia una battaglia persa, persino la Corte Suprema Usa si è piegata allo "spirito dei tempi" ed ormai è solo questione di tempo. Resta, però, un fatale errore. Qui ci occupiamo di dirlo con una certa nettezza.
====================================
http://www.aleteia.org/it/stile-di-vita/contenuti-aggregati/luca-era-gay-dalla-voglia-di-suicidarsi-alla-creazione-di-una-famiglia-5827209981853696
"Dio non ha mai smesso di farmi la corte."
Questa la sensazione che ha portato un giovane dal continuo desiderio di farla finita alla voglia di vivere, far crescere la propria famiglia ed aiutare gli altri.
Ma riavvolgiamo il nastro e partiamo dall'inizio.
Luca è un bimbo cresciuto senza padre che ha ricevuto solamente cure femminili e della mamma ha assorbito i modi di fare tanto da esser considerato da subito il classico "effemminato". Quando ha sentito le prime pulsioni verso un compagno di classe i medici del consultorio sono stati categorici: "Signora, Suo figlio è gay." Punto, capitolo chiuso. Ragazzo timbrato, pratica archiviata.
Con questa nuova etichetta, Luca ancora adolescente conosce un uomo più grande che lo avvicina agli ambienti gay da cui, subito, inizia a trovarne giovamento: tali sono state le entrate di denaro che ancora diciassettenne il ragazzo è andato a vivere da solo.
Ebbro di cose materiali ma costantemente sull'orlo di un precipizio. Di due cose Luca si rende quasi immediatamente conto: lo stato di solitudine in cui versava e la distanza dalle logiche imperanti nel fatato mondo delle varie associazioni gay.
A 24 anni Luca si ritrova sieropositivo, con nessuna stabilità nei rapporti sentimentali, molti compagni di vita morti di HIV e con l'unico sollievo da ritrovarsi nelle cose materiali, sensazione che si alternava alla costante depressione che portava periodicamente ad indugiare in pensieri suicidi.
Anche il magico mondo GLBT, in cui era ampiamente introdotto, non lo aiutava: le varie arcigay e simili riducevano le persone a cose, basavano tutto sul sesso ed incentravano le energie non tanto sull'aiuto delle persone omosessuali ma sul rendiconto economico e sulla speculazione.
In mezzo al buio, al baratro, Luca si ritrova con un rosario in mano –impolverato, di famiglia- e ripete apparentemente senza significato quello che ha visto da bambino fare alla madre ed alla nonna. Inizia a pregare, senza riconoscere le varie stazioni, senza seguire l'ordine preciso. Ma prega. E subito si sente investito da una sensazione di serenità che lo porta a volerne ricercare la fonte. La conversione come ricerca in Luca è contemporaneamente la sua cura: si dissolvono nel nulla gli attacchi di panico, svanisce l'attrazione verso gli uomini. Luca rifiorisce.
La ciliegina sulla torta –come lui stesso la definisce- è l'incontro con una ragazza, durante un pellegrinaggio. Una a cui non interessava cosa Luca fosse prima ma era fermamente convinta di voler dividere con lui la vita. Così arrivò il matrimonio e poi una figlia che ora ha pochi mesi.
Questa è la storia che Luca di Tolve ha voluto presentare in una serata organizzata dal Coordinamento Famiglie Trentine presso la sala dei Salesiani a Trento venerdì 6 giugno. Una storia che non è solo autobiografia ma vuole essere soprattutto promozione di un giusto ed equilibrato modo di intendere la vita. Per questo motivo, proprio in un suo precedente viaggio nel capoluogo trentino, ha deciso di far nascere un'associazione che si occupasse dei disturbi affettivi delle persone che si sentono omosessuali, gruppi d'aiuto con professionisti e psicoterapeuti ma anche luoghi di ricerca intima di sé. Ha così creato la Casa della Spiritualità in Valcamonica dove ex gay, coppie di fidanzati o sposi, persone che hanno bisogno di affidarsi ad un ritiro spirituale possono trovare asilo.
======================
http://www.aleteia.org/it/stile-di-vita/contenuti-aggregati/le-origini-dellideologia-gender-5776257174208512
di Gian Domenico Daddabbo
Il 2010 è l'anno in cui in Argentina furono approvati i matrimoni fra persone dello stesso sesso con tanto di "diritto d'adozione". Con buona pace dei cristiani tiepidi, gay-friendly e politically correct che usano le parole del Santo Padre «Chi sono io per giudicare un omosessuale?» in base alle loro deduzioni e non di certo sulla base degli insegnamenti della Chiesa, l'allora Cardinal Jorge Mario Bergoglio, Arcivescovo di Buenos Aires e attuale Papa Francesco (ma guarda un po'!), scrisse una lettera alle suore carmelitane di Buenos Aires in cui il Presule metteva in guardia dall'ideologia gender.
Nel testo scritto il 22 Giugno 2010, il futuro Papa avvertì che dietro a questa legiferazione scellerata sulla famiglia c'è l'invidia del diavolo, "attraverso la quale - si legge nel testo - il peccato entrò nel mondo: un'invidia che cerca astutamente di distruggere l'immagine di Dio, cioè l'uomo e la donna che ricevono il comando di crescere, moltiplicarsi e dominare la terra. Non siamo ingenui: questa non è semplicemente una lotta politica, ma è un tentativo distruttivo del disegno di Dio. Non è solo un disegno di legge (questo è solo lo strumento) ma è una mossa del padre della menzogna che cerca di confondere e d'ingannare i figli di Dio". Il padre della menzogna è infatti Satana, pertanto l'allora porporato spiegava in maniera inequivocabile che non c'è inganno peggiore che l'equiparazione di una coppia dello stesso sesso a una coppia di coniugi formata da uomo e donna, infatti unire due persone dello stesso sesso in un cosiddetto "matrimonio" significa equiparare l'una all'altra, per cui è inutile che ci raccontiamo storie.
Il giornalista cattolico Massimo Introvigne ci fa notare che l'ideologia di genere trova le sue origini nel femminismo e lo spiega molto bene lo storico svedese Per Faxneld nel suo libro "Satanic Feminist". L'intento di Faxneld non è di critico, piuttosto analitico, tanto che lui stesso si dichiara femminista e manifesta simpatia per alcuni dei personaggi astenendosi da giudizi di valore. "Il quadro che emerge è comunque impressionante,- spiega Introvigne - al di là di valutazioni di singoli personaggi su cui il dibattito è aperto e gli specialisti". Il giornalista cattolico afferma in seguito che faxneld individua due tipi di satanismo: uno in senso stretto, l'altro in senso lato.
Il primo è la venerazione diretta di satana presentato nella Bibbia, con tanto di riti religiosi attuati da persone che si schierano apertamente dalla parte del principe delle tenebre. L'altro è la promozione e l'esaltazione di satana da persone che non credono nella sua esistenza e lo rappresentano come simbolo di ribellione e di riscatto attraverso un'avversione che spinge verso l'odio, a riguardo Introvigne ci offre l'esempio del poeta massonico italiano Giosué Carducci (1835-1907) con il suo "Inno a Satana", in cui il letterato presenta il diavolo come simbolo del progresso.
Lo storico Faxneld mostra anche come satana viene esaltato anzitutto dai socialisti e poi dai comunisti e infine dagli anarchici e viene visto come motore delle ribellioni contro le gerarchie tradizionali, la religione e la proprietà privata. I riferimenti a satana più originali sono tratti dal socialismo americano che ha prodotto la rivista "Lucifer" a cavallo fra i secoli XIX e XX e dalla socialdemocrazia svedese la quale, prima di "imborghesirsi" come partito di governo, propose nel 1886 "I dieci Comandamenti di Lucifero" ai lavoratori svedesi, un vero e proprio scimmiottamento dei Comandamenti di Dio, come il Venerabile arcivescovo statunitense Fulton John Sheen lo avrebbe definito, infatti recitano gli ultimi due di questi "Comandamenti": "Non desiderare la donna d'altri, a meno che sia lei a desiderare te, ma desidera la roba del vicino e portagliela via appena puoi".
Ancor prima che nella politica, la rilevanza della società teosofica che distingue fra Satana come immagine del male e Lucifero, di cui viene proposta una chiave di lettura gnostica, si afferma anzitutto nella letteratura con il romanzo detto "gotico", genere tipico delle letterature inglese e francese. Tipico esempio di questo genere che Introvigne ci illustra è "Dracula" dell'irlandese Bram Stoker (1847-1912). Come il romanzo gotico in generale, Stoker presenta le figure diaboliche come "i cattivi" che tuttavia finiscono affascinare il lettore più rispetto ai buoni. Il fascino verso il male ci porta al nocciolo della questione del testo di Faxneld, ossia l'ideologia di genere legata al satanismo.
Tale legame deriva dalla poesia romantica inglese che offre un'interpretazione rovesciata della caduta di Adamo ed Eva rispetto agli insegnamenti della Chiesa. Questa poesia proclama che nel Giardino dell'Eden, satana ha offerto a Eva la possibilità di riscattarsi dal controllo patriarcale di Dio e di Adamo, in definitiva viene celebrato come liberatore delle donne, ma anche degli uomini, visto e considerato che Eva, dopo aver mangiato, offre del frutto proibito al marito (Cfr Genesi 3,6-7). Come simbolo di avversione e del rovesciamento, il demonio diviene anche maestro della donna e dell'uomo e insegna a entrambi a scegliere liberamente la loro identità di genere, di conseguenza l'angelo ribelle imprime il suo sigillo sulla scelta omosessuale.
Alla luce di questa interpretazione del brano della Genesi sul peccato originale, Massimo Introvigne cita lo storico anticlericale Jules Michelet (1798-1874) il cui libro "La Strega" del 1862 dipinge le streghe del Medioevo come donne libere, spesso capaci di reinventarsi un'identità maschile o affermarsi lesbiche. La visione offerta da Michelet emerge in modo ancor più chiaro in autrici meno note come Renée Vivien (pseudonimo di Pauline Mary Tarn, 1877-1909) e le romanziere americana e britannica Mary MacLane (1881-1929) e Sylvia Townsend Warner(1893-1978), anch'esse lesbiche.
Ciò dimostra come è stretto il legame fra satanismo e ideologia gender, tanto che a tal punto bisognerebbe domandarsi dal satanismo in senso lato a quello in senso stretto e tuttavia il confine fra i due è molto sottile e non sempre evidente. Con la sua analisi, lo storico svedese Faxnell arriva a dimostrare che il femminismo, l'ideologia di genere e la promozione dell'omosessualità nascono dall'interpretazione rovesciata delle vicende bibliche della rivolta di Lucifero e della caduta di Adamo ed Eva. Tale interpretazione, come abbiamo accennato, è prettamente simbolica e viene offerta da intellettuali che non credevano né in Dio né nel diavolo e alla fine alcuni di questi intellettuali, senza alcuna ambiguità, sono arrivati a servire quest'ultimo.
La ricerca accademica dello storico svedese sembra confermare le intuizioni dell'allora Cardinal Bergoglio nella sua lettera del 2010 e, prima di lui, quelle della scuola cattolica contro-rivoluzionaria. Ancora di più la preoccupazione del futuro Papa Francesco sono confermate nel Messaggio per la XLVI Giornata Mondiale per la Pace (01 Gennaio 2013) in cui Papa Benedetto XVI ribadisce l'urgenza di riconoscere e promuovere la struttura naturale del matrimonio, fondato sull'unione fra uomo e donna "rispetto ai tentativi di renderla giuridicamente equivalente a forme radicalmente diverse di unione che, in realtà, la danneggiano e contribuiscono alla sua destabilizzazione, oscurando il suo carattere particolare e il suo insostituibile ruolo sociale.
Questi principi non sono verità di fede, né sono solo una derivazione del diritto alla libertà religiosa. Essi sono inscritti nella natura umana stessa, riconoscibili con la ragione, e quindi sono comuni a tutta l'umanità. L'azione della Chiesa nel promuoverli non ha dunque carattere confessionale, ma è rivolta a tutte le persone, prescindendo dalla loro affiliazione religiosa" (dal Messaggio per la Giornata Mondiale per la Pace 2013). Neanche a farlo apposta, nello stesso anno, lo Spirito Santo ha nominato nuovo Papa quello stesso Cardinal Bergoglio che tre anni prima nella sua Buenos Aires aveva con franchezza messo in guardia dal dilagare dell'ideologia gender e la battaglia continua...
http://www.simoneventurini.it/it/home/779-le-origini-dell-ideologia-gender.html